HomeBenvenuti a Fratta Polesine

Benvenuti a Fratta Polesine

Come arrivare a Fratta Polesine (pdf 328 Kb)

Fratta Polesine nota per la splendida Villa Badoer, patrimonio dell'Unesco, è sede del Museo Archeologico Nazionale che conserva molti reperti rinvenuti nelle vicinanze delll'area archeologica di Frattesina. Numerose campagne di scavo eseguite in questo luogo, e nelle immediate vicinanze, hanno portato alla luce un grande abitato e due necropoli di vaste proporzioni risalenti all'Età del Bronzo finale.
Qui il più grande architetto italiano del '500, Andrea Palladio, ha progettato e realizzato una delle opere architettoniche più riuscite per gusto ed armonia di forme: Villa Badoer.
Lungo i due corsi d'acqua che solcano il paese sorgono numerose altre ville e palazzi di rara bellezza tra cui spiccano Villa Molin-Avezzù, progettata da un allievo del Palladio ed il Parco romantico di Villa Labia, ed infine Palazzo Dolfin-Boniotti, sede del museo etnografico "Manegium".
La Chiesa Parrocchiale dedicata ai SS Pietro e Paolo, costruita tra il 1552 e il 1682 custodisce alcune tele del Bortoloni, statue marmoree di Giovanni Marchiori e di Giovanni Morlaiter mentre il soffitto è impreziosito dagli affreschi di Francesco Zugno, il baldachino volante sapientemente indorato è il lavoro di intaglio di Sante Baseggio.
Fratta è famosa anche per essere stata, all'inizio del 1800, teatro dei Moti Carbonari contro la dominazione austriaca e aver dato i suoi natali a Giacomo Matteotti, la cui casa natale è diventata Museo.
Seguendo il Canale Scortico che attraversa il centro storico, alla sua confluenza con il Canalbianco, si raggiunge la località Pizzon, dove sfruttando il dislivello fra i due corsi d'acqua, è sorto un mulino terragno, probabilmente risalente al XVIII secolo e oggi testimone di un passato laborioso.
Il mulino ad acqua, unico del suo genere, è ora sede di una locanda e di un ecomuseo e conserva intatto l'imponente ingranaggio che serviva a macinare sia il frumento che il granoturco.

Tratto dalla cicloguida "Dall'Adige al Po" (www.ciclabileadigepo.it)
©studioruzza

Villa Badoer

Villa Badoer Villa Molin-Avezzù Villa Labia

 

Palazzo Dolfin-Boniotti Rievocazione storica Fratta Carbonara La casa di Giacomo Matteotti

 

Mulino al Pizzon Palazzo Lipomano Parrocchia dedicata ai Santi Pietro e Paolo

 

Villa Badoer di notte Palazzo Campanari